‘O surdato ‘nnammurato – sim

19,50

‘O surdato ‘nnammurato, 1915, testo di Aniello Califano, musica di Enrico Cannio. Versione per S.I.M.

Demo: pdf – mp3

Descrizione

‘O surdato ‘nnammurato è la canzone preferita all’entrata in guerra nel 1915. Il testo fu scritto da Aniello Califano e musicato da Enrico Cannio nel 1915.  Racconta la disperazione di un soldato, che combatte al fronte, per la lontananza della sua amata che forse non rivedrà più. ‘O surdato ‘nnamurato è una delle più belle canzoni e famose canzoni della tradizione napoletana, e diviene presto una canzone conosciuta e popolare in tutta Italia; è il vero inno della prima guerra mondiale, ma è un inno contro la guerra. La guerra è in negativo ciò che l’amore è in positivo, per questo la guerra neanche compare nel testo della canzone, si capisce che chi esprime la sua tristezza per la donna lontana sia un soldato al fronte, solo per il titolo. Questo rende ancora più radicale la condanna della guerra e ancora più universale il suo riufiuto. Quello che esprime il soldato non è patriottismo, eroismo, dedizione alla patria, la sacra missione del combattente, il suo unico sentimento è l’amore e la guerra è solo “impedimento all’amore”. ‘O surdato ‘nnamurato è una dichiarazione universale di rifiuto della guerra.

Versione S.I.M., strutturata in maniera flessibile, per adeguarsi ad ogni tipo di organico. Oltre alla serie completa di strumenti solistici, raggruppati in base all’altezza, ci sono le parti per basso, pianoforte e percussioni. Dal duo pianoforte/strumento solista, alle varie combinazioni di strumenti con o senza il pianoforte e la batteria, la varietà di soluzioni possibili è veramente enorme. Le parti staccate sono già adattate agli strumenti traspositori. 

Testo:

Staje luntana da stu core,
a te volo cu ‘o penziero:
niente voglio e niente spero
ca tenerte sempe a fianco a me!
Si’ sicura ‘e chist’ammore
comm’i’ so’ sicuro ‘e te…

Oje vita, oje vita mia…
oje core ‘e chistu core…
si’ stata ‘o primmo ammore…
e ‘o primmo e ll’ùrdemo sarraje pe’ me!

Quanta notte nun te veco,
nun te sento ‘int’a sti bbracce,
nun te vaso chesta faccia,
nun t’astregno forte ‘mbraccio a me?!
Ma, scetánnome ‘a sti suonne,
mme faje chiagnere pe’ te…

Oje vita….oje vita mia…
oje core ‘e chistu core…
si’ stata ‘o primmo ammore…
e ‘o primmo e ll’ùrdemo sarraje pe’ me!

Scrive sempe e sta’ cuntenta:
io nun penzo che a te sola…
Nu penziero mme cunzola,
ca tu pienze sulamente a me…
‘A cchiù bella ‘e tutt”e bbelle,
nun è maje cchiù bella ‘e te!

Oje vita….oje vita mia…
oje core ‘e chistu core…
si’ stata ‘o primmo ammore…
e ‘o primmo e ll’ùrdemo sarraje pe’ me!

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “‘O surdato ‘nnammurato – sim”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *